Public talk a Sansepolcro by Filippo Venturi

Per chi volesse incontrarmi o conoscere meglio i miei lavori, giovedì 25 ottobre terrò un incontro pubblico, organizzato dal FotoClub Sansepolcro!

INCONTRO COL FOTOGRAFO FILIPPO VENTURI
Giovedì 25 Ottobre 2018, ore 21, Sala Conferenza della Biblioteca Comunale
Via XX Settembre, 131 - Sansepolcro (AR)
Ingresso gratuito

Comunicato ufficiale

Il FotoClub Sansepolcro, in collaborazione con Comune di Sansepolcro, promuove una serie di incontri con i principali fotografi contemporanei italiani.

Un'occasione per incontrare gli autori, per vedere il loro lavoro e interagire con essi. Il mondo delle immagini ci sommerge ogni giorno, ma spesso si ha poca consapevolezza della sua importanza e spesso nemmeno ci domandiamo il come o il perché delle immagini che vediamo.

Riuscire ad avere un momento di rapporto diretto con gli autori che più si stanno distinguendo, diventa un momento di crescita culturale non solo per gli appassionati di fotografia.

Giovedi 25 ottobre alle 21, nella sala conferenza della Biblioteca Comunale di Sansepolcro, avremo Filippo Venturi che sta riscuotendo un enorme interesse con il lavoro sulla penisola coreana.

Filippo Venturi (nato a Cesena nel 1980) è un fotografo documentarista. I suoi lavori sono stati pubblicati su giornali come The Washington Post, Financial Times, Vanity Fair, Der Spiegel, Die Zeit, Internazionale, La Stampa, Geo, Marie Claire, Gente, D di Repubblica, Io Donna del Corriere della Sera.

Produce progetti personali riguardanti l'identità e la condizione umana, concentrandosi in particolare sulle conseguenze del rapido progresso tecnologico in alcune aree del mondo. Negli ultimi tre anni è stato impegnato in un progetto nella penisola coreana, ottenendo il premio Sony World Photography Awards, il premio LensCulture Emerging Talent, il premio Il Reportage, il premio Voglino e il Portfolio Italia - Grand Prix Hasselblad.

Le sue opere sono state esposte in Italia e all'estero in spazi espositivi come Foro Boario di Modena come "Nuovo Talento" della Fondazione Fotografia Modena, MACRO - Museo di Arte Contemporanea di Roma, Somerset House a Londra, U Space a Pechino, Willy Brandt Haus a Berlino, Kaunas Photo Festival in Lituania e Sony Square a New York City.

Intervista per Rai3 / TG3 nel Mondo by Filippo Venturi

Sabato 20 ottobre, alle 22.40, sono stato su Rai3, ospite della trasmissione "TG3 nel Mondo", per parlare di Corea del Nord e del Sud con la giornalista e conduttrice Maria Cuffaro!

Ho fatto "concorrenza" ad Alberto Angela su Rai1 :)

Il video dell’intervista è visibile qui (dal minuto 21:54).

Fino al 28 ottobre il mio progetto fotografico sulla penisola coreana sarà esposto al Festival della Fotografia Etica di Lodi!

Tutte le informazioni sulla mostra e sul festival, qui: Mostra al Festival di Fotografia Etica di Lodi.

filippo_venturi_rai3.jpg

Workshop di Fotogiornalismo by Filippo Venturi

workshop_fotogiornalismo.jpg

WORKSHOP DI FOTOGIORNALISMO
Fotografia come testimonianza della realtà

6, 13, 20, 27 marzo 2019, a Cesena
www.filippoventuri.it/workshopcesena2019

Il corso è rivolto ai fotografi principianti, ai professionisti e a chi volesse semplicemente approfondire la tematica trattata, in un periodo in cui l'immagine è sempre più al centro della comunicazione e della nostra quotidianità. Ragioneremo sul concetto di Fotogiornalismo e di Fotografia Documentaria al giorno d’oggi e sullo sviluppo teorico e pratico di un progetto. Si affronteranno i vari aspetti da curare: la ricerca di una storia e relativo fact checking, l’organizzazione preliminare, l'etica, la fase di scatto, l’editing, la post-produzione, la presentazione del progetto realizzato, le didascalie, il rapporto con i photoeditor, le modalità di diffusione a seconda che la finalità sia una pubblicazione, una mostra, l’iscrizione a concorsi o la promozione nei social network. Durante il workshop è prevista la lettura del portfolio degli iscritti che vorranno un confronto assieme al docente.

★ A cura di Filippo Venturi
Filippo, fotografo documentarista. I suoi lavori sono stati pubblicati su magazine e quotidiani fra i quali The Washington Post, Financial Times, Vanity Fair, Der Spiegel, Die Zeit, Internazionale, La Stampa, Geo, D di Repubblica e Io Donna del Corriere della Sera. Realizza progetti personali riguardanti l'identità e la condizione umana, concentrandosi anche sulle conseguenze del rapido progresso tecnologico di alcune aree del pianeta. Negli ultimi anni si è dedicato a un progetto a lungo termine sulla Corea del Sud e del Nord. www.filippoventuri.photography

★ Destinatari
Under 35

★ Durata
4 incontri, il mercoledì dalle ore 20:30 alle ore 22:30

★ Calendario
6, 13, 20, 27 marzo 2019

★ Dove
Centro di Documentazione Educativa, Via Aldini 22, a Cesena (FC)

★ Quota di partecipazione
€ 65 complessivi

★ Iscrizioni
Compilare il seguente form http://eepurl.com/dFtKaD

★ Social
Link all'evento Facebook

Intervista per Il Manifesto by Filippo Venturi

Oggi, su Il Manifesto, una mia intervista a cura di Simone Pieranni, in occasione della mia mostra al Festival della Fotografia Etica di Lodi :)

Parlo di penisola coreana e di fotografia in generale!

Sogni coreani infranti
INTERVISTA. Un incontro con Filippo Venturi, ospite al Festival della Fotografia Etica
Simone Pieranni, 06.10.2018

Da oggi a Lodi prende il via la nona edizione del Festival della Fotografia Etica. Come scrivono Alberto Prina e Aldo Mendichi che, con il Gruppo Fotografico Progetto Immagine, organizzano la manifestazione, «questa edizione della rassegna internazionale si è data l’obiettivo di diffondere sempre più maggiormente il linguaggio fotografico, e la sensibilità culturale che ne consegue, tra i non addetti ai lavori». Nella sezione «Uno sguardo sul mondo» ci sarà anche Made in Korea e Korean Dream, parti del progetto comune di osservazione della penisola coreana e delle sue trasformazioni negli ultimi 64 anni di Filippo Venturi, un fotografo documentarista italiano, i cui lavori sono stati pubblicati in diversi giornali e riviste come «The Washington Post», «Financial Times», «Vanity Fair», «Die Zeit».

La tua immagine della penisola coreana prima di andare a scattare coincide con quanto hai trovato là?
Il mio lavoro sulla penisola coreana è iniziato nel 2014. Il primo anno l’ho trascorso studiando la Corea del Sud, osservando altri lavori fotografici sul paese, cercando contatti sul posto che potessero aiutarmi negli spostamenti, nell’entrare nei luoghi di mio interesse e nell’effettuare interviste. Soltanto l’anno successivo ho visitato il paese e realizzato le fotografie. La stessa cosa è avvenuta con la Corea del Nord: ho passato il 2016 a preparare il secondo capitolo del mio progetto (comprese la lunga burocrazia per ottenere il visto giornalistico) e nel 2017 ho viaggiato e fotografato il paese. In entrambi i casi avevo una immagine ben chiara della penisola ma, dopo averla attraversata, ammetto che è stato sorprendente constatare coi miei occhi gli effetti collaterali e non dei fenomeni che avevo studiato.

Quali sono le differenze che ti hanno colpito di più tra Nord e Sud?
La differenza nello stile e nella qualità della vita è incredibile e risulta curioso notare, per quanto riguarda la Corea del Sud, che in appena 60 anni il paese abbia compiuto i notevoli progressi economici e tecnologici a cui oggi ci ha abituati. I nord coreani, invece, vivono in una sorta di limbo.
Ho però avuto anche conferma dell’idea che i due paesi abbiano qualcosa in comune, quando si tratta dei giovani, sui quali pesano fortemente le aspettative dei rispettivi paesi.

Che tipo di ambientazioni e luoghi hai scelto per raccontare la Corea del Sud e perché?
In entrambi i paesi il mio lavoro si è concentrato sui giovani. In Corea del Sud ho voluto visitare gli ambienti dove studiano, coltivano i propri interessi e passano il tempo libero con la curiosità di assistere ai fenomeni del paese che mi avevano interessato: come l’importanza dello studio e i ritmi frenetici che affrontano gli studenti per ottenere i voti necessari per accedere alle tre università più prestigiose del paese; come la rilevanza di essere esteticamente accettati ricorrendo alla chirurgia plastica per avere gli occhi all’occidentale e, di conseguenza, gli effetti collaterali scaturiti dall’enorme stress a cui sono sottoposti i giovani, che sfocia nell’isolamento sociale, nell’alcolismo e, purtroppo, persino nel suicidio (La Corea del Sud ha uno dei tassi di suicidi più elevanti al mondo: 43 al giorno).

In che modo per quanto riguarda la Corea del Nord, hai lavorato per dare un’immagine diversa da quella ufficiale?
Sapendo che nel mio viaggio sarei stato scortato per tutto il tempo, ho deciso di fotografare i luoghi dove i giovani vengono formati e preparati ad inseguire il sogno coreano della riunificazione: mi riferisco ad asili, scuole, università e altri luoghi di studio pregni di simboli e messaggi della propaganda ai quali le mie stesse guide (o per meglio dire, «sorveglianti») erano ormai assuefatti e quindi la loro normalità era per me una realtà straordinaria, che ho cercato di fotografare in modo asettico e geometricamente perfetto, con l’obiettivo di trasmettere l’effetto teatrale, e quindi artificiale, dell’ambiente, comprese le persone, che sembrano in tensione, come in attesa di un segno di approvazione da parte del Supremo Leader.
Paradossalmente tutto ciò che mi era proibito fotografare – come i cantieri edili, eventuali segni di degrado di Pyongyang o magari qualche coreano ubriaco addormentato nell’aiuola di un marciapiede – non mi interessava e potevo mostrarmi ubbidiente con le mie guide, ottenendo così la massima collaborazione possibile quando dovevo scattare nei luoghi e nelle situazioni che loro ritenevano innocue.

In che modo la fotografia può modificare i nostri pregiudizi su alcuni luoghi del mondo?
La fotografia è un mezzo che, più di altri, può consentire ad un autore di ambire a descrivere un frammento della realtà e quindi anche di superare alcuni pregiudizi. Con il giusto approccio etico e senza la presunzione di avere tutte certezze in tasca, un fotografo può essere un testimone attendibile della realtà.

Autore dell'Anno FIAF 2018 Emilia Romagna by Filippo Venturi

E’ con grande piacere che ho accolto la notizia di essere stato premiato dalla FIAF come Autore dell’Anno 2018 per l’Emilia Romagna!

Anche grazie alla FIAF ho mosso i primi passi nella Fotografia e ho compiuto il mio processo di crescita; questo riconoscimento è uno stimolo a continuare a migliorare.

Per chi ci sarà, si vediamo a Salsomaggiore domenica 14 ottobre!

Mostra al Festival di Fotografia Etica di Lodi by Filippo Venturi

Con grande soddisfazione, il mio progetto sulla Penisola Coreana sarà esposto per la prima volta nella sua interezza nel prestigioso Festival della Fotografia Etica di Lodi, dal 6 al 28 ottobre 2018!

Il lavoro, composto da 2 capitoli: "Made in Korea” (Corea del Sud) e “Korean Dream” (Corea del Nord; vincitore del Premio Voglino), è stato realizzato fra il 2015 e il 2017.

”A farmi compagnia” ci saranno grandi fotografi come Adam Ferguson col lavoro "The bombs they carried", Ami Vitale, Nikita Teryoshin, Paolo Marchetti, Wu Jingli, i vincitori del concorso World Report Award e tanti altri!

Non bastasse questo, nelle giornate del 13 e 14 ottobre, quando terrò la visita guidata della mostra, sarà presentato il libro che racchiude questo progetto, edito dalla casa editrice Emuse, di cui potete vedere, in basso, la doppia copertina.

Sito ufficiale del Festival della Fotografia Etica di Lodi: www.festivaldellafotografiaetica.it
Sito ufficiale della Casa Editrice Emuse: www.emusebooks.com
Sito ufficiale del Premio Voglino: www.premiovoglino.com
Un articolo uscito su Panorama relativo al Festival: www.panorama.it

Intervista sul Corriere di Romagna by Filippo Venturi

Domenica 16 settembre, sul Corriere di Romagna, è uscita l’intervista che mi ha fatto il giornalista Marcello Tosi a proposito del mio lavoro in Corea del Nord, esposto in questi giorni al SI Fest, il Festival di Fotografia di Savignano sul Rubicone, presso l’ex Consorzio di Bonifica in Via Garibaldi 45.

Dopo il weekend inaugurale, appena conclusosi, le mostre del Festival saranno visitabili nei seguenti giorni:
- Sabato 22 Settembre, ore 15-19
- Domenica 23 Settembre, ore 10-13/15-19
- Sabato 29 Settembre, ore 15-19
- Domenica 30 Settembre, ore 10-13/15-19

La biglietteria, presso la Galleria L. Colombo in Corso Vendemini 62/64, chiude un’ora prima delle mostre.

Maggio informazioni QUI e QUI.