Publications

Recensione del SI Fest by Filippo Venturi

Su FOTOIT di novembre 2018 è uscito un mio articolo dove racconto la mia visita al SI Fest!

“Da quando mi sono avvicinato alla fotografia il SI Fest, il Festival della Fotografia di Savignano sul Rubicone, ha sempre rappresentato il grande palcoscenico dove andare a contemplare gli autori nazionali e internazionali più interessanti […]”

Pubblicazione su Das Magazin by Filippo Venturi

Il mio lavoro Made in Korea, sui giovani sud coreani, è uscito oggi su Das Magazin, settimanale svizzero.

"Se i giovani sud coreani dovessero descrivere il proprio stile di vita, lo chiamerebbero l'inferno coreano. Hanno un solo desiderio: emigrare." - Testo di Tugba Ayaz.

Pubblicazione su Geo Spagna by Filippo Venturi

Parte del mio ultimo progetto fotografico, “2030 Birth of a Metropolis”, è uscito su Geo Spagna di Novembre!

Oltre alle 18 immagini è presente una mia intervista dove parlo di Astana, la capitale del Kazakistan, sulla quale è incentrato il mio lavoro.

Pubblicazione su Der Spiegel by Filippo Venturi

anna_calvi.jpg

Il mio reportage su Anna Calvi per la rivista tedesca Der Spiegel è uscito il 31 agosto, in concomitanza con il lancio di "Hunter", il nuovo album dell'esplosiva cantante :)

Se non la conoscete, vi suggerisco di iniziare con Don't beat the girl out of my boy.

L'anteprima (l'articolo intero è a pagamento) è a questo LINK.

anna_calvi_der_spiegel.jpg

C'era una volta il Duce su Die Zeit by Filippo Venturi

Sul quotidiano tedesco Die Zeit, versione cartacea e online, una parte del mio lavoro "C'era una volta il Duce" nell'articolo "Lega e Movimento Cinque Stelle al potere: l'Italia è sulla strada per un nuovo fascismo?"

Pubblicazione su 4bicycle by Filippo Venturi

Nell’ultimo numero di 4Bicycle Magazine c'è il mio reportage della grande impresa di Sandro Valbonesi, che ho avuto il piacere di seguire e documentare.

Sandro, in 18 ore non stop, è partito con la bicicletta da corsa dal lungomare di Savona fino a Cervinia (270km, 3.600 metri di dislivello) per poi raggiungere, correndo, la vetta del Breithorn, a 4.165 metri, nelle Alpi svizzere.